banner2 DAI DIAMANTI
NON NASCE NIENTE,
DAL LETAME
NASCONO I FIORI
CHI SIAMO LE ATTIVITA' I NUMERI DOCUMENTI LE NEWS CONT@TTI
LA STORIA

TUTTI I DOCUMENTI

scarica la Storia 1988/2009
(versione large in pdf)
storia

La nascita dell'esperienza è essenzialmente motivata dall'espressione dei bisogni, dei sogni e della volontà di essere protagonisti nella propria vita di una parte di giovani abitanti nel centro storico genovese, nella prospettiva della creazione di risoluzioni ed alternative al disagio vissuto.

La Storia dell'Associazione  inizia nel 1988  in seguito all'aggregazione spontanea nella gradinata genoana di  un centinaio di ragazzi e ragazze  abitanti nel centro storico di Genova di età compresa  tra i 15 ed i 30 anni .

E' comune l'esigenza di  potere fare per potere cambiare  qualcosa nel proprio quotidiano,  nel e con il proprio quartiere , per e con i più piccoli,superando i limiti della fede sportiva: nasce così l'Associazione Circolo i Caruggi.

L'intervento si caratterizza da subito per il continuativo, metodico e capillare  Lavoro di Strada  e cioè nell' andare incontro  ai ragazzi cercando di costruire insieme alternative al disagio ed alla noia agendo presso il pubblico adulto ai fini della sensibilizzazione e del coinvolgimento attivo e solidale.

L'iniziativa è da subito accolta  con entusiasmo dal pubblico adulto del quartiere  tanto che  dal 1988 al 1995  le attività sono sostenute unicamente dagli abitanti e dai negozianti della zona e quindi in regime di  autogestione .

calcioDal
 1995  il Circolo I Caruggi inizia ad usufruire anche di finanziamenti pubblici.
Grazie a questo l'Associazione può offrire, sempre gratuitamente,
diverse  attività  tra cui spiccano quelle sportive e le colonie estive. 
I Caruggi sono sempre più riconosciuti, stimati e aiutati dalla comunità rappresentando un saldo riferimento per tutti e non solo per i bambini e le loro famiglie.
 Riconoscimento, credibilità e stima che giungono anche a livello nazionale ed internazionale. 

L'Associazione, che è stata costituita prevalentemente da ragazzi italiani, si è adeguata nel corso degli anni in tempo reale alle mutazioni avvenute nel tessuto sociale del territorio e rappresenta una
 ricca e originale esperienza di multi etnicità .
In questi anni sono state organizzate, insieme a famiglie, ragazzi ed altre Associazioni,
 azioni di protesta  nei confronti delle amministrazioni nei casi in cui venivano ignorati dei bisogni o calpestati dei diritti e specialmente per quanto riguarda la mancanza di spazi di verde attrezzato ed impianti sportivi. Queste iniziative ci vedono coinvolti nella doppia veste di  abitanti ed Operatori di Strada , ma per noi è la stessa cosa.
campo tracciato a caricamento per protestare contro la mancanza di spazi per il gioco     you'll never walk alone     bambini in campo La fase rappresentata da questi anni di intervento è paragonabile alla crescita di
 un seme piantato nella terra : abbiamo lasciato che si schiudesse e sviluppasse forti radici.

Nel 2001 l'Associazione inaugura il  Cerchio Sociale Pow Wow  ( qui!da allora  meta e riferimento per migliaia di giovanissimi  e le loro famiglie.
Una
Piazza al Coperto  Dove fare COMUNITA'. 
bambini al powwow           doposcuola       un due tre stella
noi come obelixSi è dovuto sostenere una  Lotta di Resistenza  al fine di preservare l' indipendenza , la difesa della propria  identità , il rifiuto di considerare l'impegno nel sociale come occasione di mercato e/o di consorziarci presso qualche grande ente cannibale.
Questo atteggiamento è costato parecchio all'Associazione che però è riuscita, nonostante le ingiustizie subite, a mantenersi libera ed a non perdere la missione originale.

 Noi come Obelix , è il titolo di un nostro volantino fine anni '90.
L' indipendenza è necessaria se si vogliono costruire
 opportunità sociali oneste, spoglie di strumentalizzazioni politiche o confessionali,  facendo effettivamente e con  coerenza  quello che si dice o si scrive, con  umiltà , nel  rispetto  degli individui, delle proprie storie di vita e della propria  possibilità di espressione .

Dal
 2005  l'Associazione, già aderente alla Rete 501, entra a far parte dal Centro Servizi Centro Est che raggruppa gli Enti che si occupano di infanzia ed adolescenza in collaborazione con Assessorato Servizi alla Persona del Comune di Genova e Distretto Sociale.

monelli si nasce ancora Nel 2006 la storia dei Caruggi torna allo stadio  in quanto l'Associazione affianca l'idea del proprio Presidente Marco Barnieri (Marco Naso per il Popolo) e collabora alla  fondazione ed organizzazione children di Genoa Club For Children, mettendo a disposizione risorse, sede e spazi e affiancando le attività educative.
Quest'ultimo è un Progetto ricreativo ed educativo allo stadio dedicato a circa
 900 bambini/e e ragazzi/e dai 7 ai 14 anni .
L'iniziativa ha ricevuto diversi premi primi fra tutti
l' “European Football Supporters Award” , l' Oscar del Calcio  (Associazione Italiana Calciatori) ed il  Premio Ciotti 

Nel periodo 2006 - 2008 , considerando  i profondi cambiamenti nel territorio  e, più in generale della società, è stata avviata e sviluppata una  ricerca  al fine di individuare  i nuovi modi di vivere, la tipologia dei giovanissimi, le nuove esigenze, i nuovi bisogni.  Sopratutto un pretesto per  dare voce ai giovanissimi. 
Grazie alla
 collaborazione degli istituti scolastici del centro storico  sono state proposte  120 domande a 700  ragazzini/e di età compresa  tra gli 8 ed i 13 anni  al fine di comprenderne abitudini e qualità di vita. L'analisi dei dati ricavati ci ha permesso di  ri-progettare seguendo le indicazioni emerse. 

E' ora più che mai necessario
 ri-connettere gruppi e generazioni  e  creare opportunità di espressione e quindi di libertà  sopratutto per l'infanzia e l'adolescenza, creando il clima favorevole presso la comunità adulta.

Il
 Pow wow , oltre che un modello di  esperienza multietnica  (56 nazionalità interessate) è diventato un  sicuro punto di riferimento  per migliaia di famiglie espandendo il suo raggio d'azione  dal quartiere alla città. 
Questi
 grandi numeri  favoriscono progetti tesi alla  costruzione di momenti collettivi organizzati e partecipati  finalizzati alla risoluzione delle diverse e comuni domande.
colonie estive E' l'ora che le
 “erbacce”  si organizzino costruendo  alternative condivise, oneste e trasparenti  nei diversi ambiti: educativo, sociale, economico, culturale, ricreativo e relazionale.  A partire dal quotidiano vissuto. 
 TUMBLEWEEDS! 

torna in cima alla pagina
wwww.marconaso.net scrivi al webmaster Valid HTML 4.01 Transitional Valid CSS! COOKIE POLICY